APPROFONDIMENTI

Il Teatro richiede profondità, scavo, ricerca. Diceva Socrate: «[…] questo è per l’uomo il bene maggiore: ragionare ogni giorno della virtù e degli altri argomenti sui quali m’avete udito disputare e far ricerche su me stesso e su gli altri, e che una vita che non faccia di cotali ricerche non è degna d’esser vissuta […]»

(Platone, Apologia, 37 a-38 c.)

Qui una serie di chiacchierate con attori e registi, impressioni sugli spettacoli e dagli spettacoli.

 

19 ottobre 2015

#ATUPERTU CON GLI ATTORI DI QUANDO, COME UN COPERCHIO

INTERVISTA A ORESTE DE PASQUALE

È uno spettacolo sospeso tra spazio e tempo, una danza di silenzi, un caos ordinato di emozioni, un lungo poema di fogli scritti a macchina. “Quando, come un coperchio” è uno dei testi più belli e complessi che mi sia ma trovato a recitare.

Continua a leggere

15 ottobre 2015

#ATUPERTU CON IL COMPOSITORE DI QUANDO, COME UN COPERCHIO

INTERVISTA A VINCENZO QUADARELLA

È stato un lavoro impegnativo, emotivamente parlando. Ho cercato di elaborare delle musiche asimmetriche, mai armoniche, quasi dissonanti. A questo mi ha portato il testo, denso e forte, emotivamente violento nella sua semplicità. La musica non poteva far altro che riflettere l’estremo sforzo di indagine sull’animo umano,

Continua a leggere

18 agosto 2015

#ATUPERTU CON LA REGIA DI EREBO

INTERVISTA AD AURETTA STERRANTINO

Erebo nasce da un’occasione. Un concorso incentrato su tema mitico in cui si richiedeva di declinare la materia classica attraverso la fusione di tutte le arti performative. Così ho ripreso in mano uno studio iniziato nel 2012 e che era confluito nella mia prima regia.

Continua a leggere

11 agosto 2015

#ATUPERTU CON IL MUSICISTA DI EREBO

INTERVISTA A FILIPPO LA MARCA

Erebo è un momento eterno, un luogo tetro, minore e solenne. Erebo è il regno dei morti, dove le cose non hanno tempo. Lì la sinestesia regna, i colori, i suoni, le gioie ed i dolori si fondono e formano il “non è più”.

Continua a leggere

10 agosto 2015

#ATUPERTU CON GLI ATTORI DI EREBO

INTERVISTA A LIVIO BISIGNANO

Per me Erebo è una immersione nelle oscurità dell’animo umano. Gli Inferi sono infatti il teatro perfetto per parlare di ciò che succede nel mondo, tutto ciò di cui si racconta nei miti greci infatti purtroppo accade ancora oggi e sempre accadrà.

Continua a leggere

20 marzo 2015

CON “ADOLPHE” IL SALOTTO BORGHESE DIVENTA RING “E TRA EQUIVOCI E PARVENZE NON SI SALVA NESSUNO”

La parola ad Auretta Sterrantino (regia e adattamento drammaturgico )

Ultimo spettacolo di “Atto Unico. Scene di Vita, Vite di Scena”, firmato – per regia e adattamento drammaturgico – da Auretta Sterrantino, che per la prima volta, grazie a “Adolphe. The importance of being…” si misura con la speciale vis comica di un’ironia amara e spietata.

Continua a leggere

18 marzo 2015

IL CAST DI ADOLPHE SI MISURA CON LA CONTEMPORANEITÀ BORGHESE

Tornano in scena direttamente da “Erebo”, terzo spettacolo di “Atto Unico”, e riversano le loro complementarietà e sintonie di artisti in una commedia, amarissima, ma pur sempre commedia. Eccoli, quindi, pronti all’impresa. Livio Bisignano, Loredana Bruno, Oreste De Pasquale, Giada Vadalà e – interprete di proprie musiche originali – Filippo La Marca.

Continua a leggere

30 settembre 2014

IN “ASINI TUTTI”, UN GIOCO DI NOTE E PAROLE

Vincenzo Quadarella: “Improvvisando grazie alla complicità del pubblico”

È l’ideatore e il protagonista di “Asini Tutti”, ma si fa forte di quel protagonismo morbido e trasparente che fa finta di non esserci. Musicista, scrittore, sound designer, siracusano, classe ’75, Vincenzo Quadarella ha adottato da sempre musica e teatro come centri focali delle sue esperienze professionali.

Continua a leggere