WILLIAM CARUSO

Giovane attore messinese diplomato all’Accademia di Recitazione e Arti dello Spettacolo Eutheca – European Union Academy of Theatre and Cinema. Dal 2010 a oggi ha preso parte a diversi stage e workshop: nel 2015 e 2014 ha seguito stage di Commedia dell’Arte con Enzo Aronica, di recitazione con Giancarlo Fares e uno con Federica Tatulli, di Acting con Craig Peritz, di tecnica del Coro diretto da Federica Tatulli. Nel 2014 ha seguito uno Workshop Playing Shakespeare diretto dal maestro Bruce Myers; uno stage di Tecnica dell’Azione diretto da Domenico Cucinotta; di Tecnica Vocale diretto da Sara Greco Valerio. Ancora nel 2014 ha partecipato a “Un Giorno Nella Vita Della Città: Workshop di Creazione Collettiva del Living Theatre” diretto da Craig Peritz e sempre sotto la sua direzione a uno stage di “Verse & Prose”. Dal 2011 al 2013 ha preso parte al laboratorio di recitazione EsosTheatre – il Teatro degli Esoscheletri, diretto da Sasà Neri. Ha preso parte a diversi spettacoli: nel 2015 “Pene d’amore perdute” di William Shakespeare, in replica al teatro antico di Segesta in luglio, e “C’è sempre qualcuno che parte” (autori vari) entrambi per la regia di Federica Tatulli; “Tradimenti” di Harold Pinter, regia di Giancarlo Fares; “Endgame” regia di Craig Peritz; “To Africa With Love” regia di Bianca Elton Ara; “Il Gioco” (autori vari) regia di Sasà Neri; “Un Giorno Nella Vita Della Città – Fiano Romano” con Craig Peritz e Christian Vollmer, regia di Craig Peritz. Nel 2014 ha recitato in “Antigone” di Anouilh per la regia di Federica Tatulli; “Shakespeare’s Monologues” regia di Craig Peritz; “Mother’s Colors. Oltre Il Blues” con Solveig Cogliani, regia di Sasà Neri; “Le Bal” regia di Giancarlo Fares; “Il Gabbiano” di Anton Cechov regia di Federica Tatulli; “Mater Matris. Non son tutte belle le mamme del mondo” regia di Sasà Neri, che lo ha diretto anche in “Rumors” di Neil Simon, “Mary Poppins”, “Il Figlio Dell’Uomo”, “Esos Messina 3.9”.
Inizia la sua collaborazione con QA-QuasiAnonimaProduzioni nell’estate del 2015, interpretando una delle Anime Morte di “Erebo. Il lungo addio”, scritto e diretto da Auretta Sterrantino, e andato in scena a Roma, per il Festival dell’Arena al Parco archeologico dell’Appia Antica. È stato assistente alla regia in “Caino. Homo Necans”, primo capitolo di una “Trilogia dei Traditori o Portatori di colpa”, scritto e diretto da Auretta Sterrantino e prodotto da QA-QuasiAnonimaProduzioni, andato in scena alla Sala Laudamo di Messina nel cartellone del Teatro Vittorio Emanuele. A luglio 2016 ha preso parte in qualità di regista a WRITE, residenza internazionale di drammaturgia diretta da Tino Caspanello e organizzata dalla rete Latitudini, partecipando alla mise en espace del testo scritto per l’occasione da Giuseppe Massa e diretto da Daniela Orlando. Nell’agosto dello stesso anno, partecipa a Tracce di Memoria, residenza artistica a Montalbano Elicona (ME) organizzata dall’associazione Archidrama e condotta dal noto pedagogo franco-senegalese Mamadou Dioume. A dicembre del 2016 è Wilson in “Wunderkammer. Suggestioni Poe-tiche”, un viaggio nella vita e nell’opera di E.A. Poe, scritto e diretto da Auretta Sterrantino, con le musiche originali eseguite dal vivo de La Casa delle Candele di Carta e prodotto da QA-QuasiAnonimaProduzioni.