FILIPPO LA MARCA

Maestro diplomato in pianoforte presso il Conservatorio “G.B. Martini” di Bologna con il Maestro Mario Ruffini, segue un corso triennale di direzione d’orchestra con il Maestro Romolo Gessi. Ha seguito masterclass di Basso Continuo eseguito su clavicembalo, sulla Diteggiatura Pianistica con il Maestro Roberto Bianco, sulle Tastiere Antiche (clavicembalo, forte piano…). La sua esperienza come arrangiatore e compositore inizia per il teatro nel 2011 con Auretta Sterrantino, per la quale ha composto e arrangiato le musiche degli spettacoli Le Muse e l’InCanto (2011) e ProTesto, eseguendole dal vivo. Da allora la sua collaborazione con QA è costante e diventa parte attiva della compagnia. Nel 2014 ha scritto le musiche per lo spettacolo Matrioska regia e drammaturgia di Auretta Sterrantino (QAProduzioni). Sale sul palco al fianco di Vincenzo Quadarella ancora per QAProduzioni in Asini. La storia come non l’avete mai sentita, al Castello di Milazzo nel mese di agosto (2014). In scena il 9 novembre 2014 per Asini Tutti, spettacolo inaugurale di “Atto Unico”. Nel dicembre del 2014 ha suonato in Erebo. Il lungo Addio (regia e drammaturgia di A. Sterrantino – QA produzioni) per cui ha composto le musiche originali e i riarrangiamenti dei brani. A marzo del 2015 ha composto le musiche originali di Adolphe. The importance of being… per la regia di Auretta Sterrantino (QA produzioni) e in dicembre ha firmato le musiche di InSomnium. E si sciolgon le ore, scritto e diretto da Auretta Sterrantino e prodotto da QAProduzioni. Dal 2014 al fianco di Vincenzo Quadarella, Daniele Testa e Umberto Ferro è membro della band La Casa delle Candele di Carta che nel 2015 è uscita con il suo primo disco ControLuce. Con la Casa delle Candele di Carta realizza Wunderkammer. Suggestioni Poe-tiche (regia e drammaturgia di Auretta Sterrantino) nel 2016, e nel febbraio del 2018 lavora a C’era l’acca da un’idea di Vincenzo Quadarella, suonando in scena tastiere e synth. Nel 2017 scrive le musiche di Prometheus. O del fuoco, maestro di ogni arte. Nello stesso anno compone le musiche di Naufragio. Un preludio, quattro movimenti, una fuga, scritto e diretto da Auretta Sterrantino per QA ed eseguito dal vivo prima da un quartetto d’archi, poi al pianoforte dallo stesso Maestro La Marca. Nel 2018 scrive le musiche per Quarantena. Chiostro-Interno-Notte-Cervantes/Caravaggio e con Vincenzo Quadarella quelle di Riccardo III. Suite d’un mariage. Nel 2019 cura il repertorio musicale eseguendolo dal vivo al pianoforte di Ulisse. l’arte della fuga – Navigando da Bach a Dallapiccola.

Nel 2016 è stato trascrittore digitale per Edizioni Suvini Zerboni. Da settembre 2015 è docente presso The School Music Academy di Bologna, dall’anno successivo insegna pianoforte per l’associazione Musicaper e musica d’insieme per Accademia Riminese. Nell’ottobre 2016 è tra i mucisti che danno vita alla prima esecuzione assoluta del Concerto in Re minore per pianoforte, oboe e archi nella ricostruzione di Mario Ruffini, elaborazione digitale Filippo La Marca per Edizioni Suvini Zerboni. Ancora al finaco del direttore Mario Ruffini è maestro sostituto in nel maggio 2018 in un concerto dedicato a Dallapiccola nel Maggio Fiorentino.
Nell’ottobre 2016 pubblica su soundcloud.com/filippo-la-marca uno studio personale sulla composizione in ambito cinematografico, ispirato dalle relazioni sinestetiche tra musica e immagini.